Storia

Tome_curt

Casa Tomé racchiude in sé oltre 650 anni di storia locale. Questa modesta casa in sasso, a due piani, con stalla e fienile annessi, è rimasta praticamente inalterata nel corso dei secoli. Da metà Settecento circa, non ha più subito trasformazioni sostanziali: qualche minima modifica, ma nessun intervento di ammodernamento, tanto che mai sono stati installati il riscaldamento e i servizi igienici. Soltanto l’acqua fredda e il fornello elettrico in cucina e la luce nelle stüe e in stalla.

La casa ha sempre rispecchiato le modeste esigenze e possibilità delle famiglie che vi hanno vissuto, comprese quelle degli ultimi proprietari, la famiglia Tomé. Le sorelle Luigia e Marina ci hanno abitato fino al 1990. Nel 2002 è stata acquistata dalla Fondazione Ente Museo Poschiavino.

Nel 2007 è stata aperta al pubblico quale seconda sede museale, accanto al Palazzo de Bassus-Mengotti. I due volti della società poschiavina: da un lato la realtà rurale che ha caratterizzato la vita in valle fin verso gli ultimi decenni dell’Ottocento e dall’altro il destino di poche famiglie benestanti che hanno contribuito a plasmare le sorti della vita politica, sociale e culturale della Valposchiavo.

Ein besonderer Sommer
2020 ist auch für die Museen in der Valposchiavo ein besonderes Jahr. Die Krise rund um den Corona-Virus kann Programmanpassungen, abweichende Öffnungszeiten oder besondere Verhaltensregeln nötig machen. Allfällige Abweichungen gegenüber dem geplanten Programm werden wir auf unseren Webseiten veröffentlichen. Und selbstverständlich halten wir uns an alle behördlichen Auflagen um Ihnen einen sicheren Besuch zu ermöglichen.


Un’estate speciale
Il 2020 sarà un anno un po’ speciale anche per i musei della Valposchiavo. La crisi scatenata dal coronavirus può influire sui programmi, sugli orari di apertura o sui comportamenti da adottare. Qualora vi fossero modifiche rispetto a quanto pubblicato su questa brochure, pubblicheremo gli aggiornamenti online, sulla nostra pagina web. E naturalmente ci atterremo a tutte le disposizioni per garantire a tutti una visita sicura.