Il futuro delle collezioni etnografiche: possibili soluzioni

Formazione_museo1_1024

La giornata transfrontaliera di riflessione sul futuro dei musei etnografici, tenutasi a Poschiavo sabato 18 ottobre 2014, ha riscosso grande interesse e ha portato all’individuazione di soluzioni adeguate ai tempi e alle nuove esigenze del pubblico.

Oggetto storico non identificato: come risolvere?
Le collezioni etnografiche rievocano un passato che non esiste più. Si pensi per esempio a quelle legate al mondo agricolo. Gli attrezzi di un tempo esposti nei musei sono irriconoscibili agli occhi delle nuove generazioni, sono oggetti muti, totalmente decontestualizzati e quindi privi di significato. Spesso, inoltre, sono simili a oggetti conservati in altri musei dell’arco alpino, perciò perdono di interesse.

Sono tuttavia testimonianze fondamentali di un passato che non si vuol far rivivere a tutti i costi nostalgicamente, ma che costituisce la premessa imprescindibile del nostro presente e del nostro futuro. Testimonianze che meritano di essere valorizzate.

Leggi l’articolo apparso su ilBernina

 

Ein besonderer Sommer
2020 ist auch für die Museen in der Valposchiavo ein besonderes Jahr. Die Krise rund um den Corona-Virus kann Programmanpassungen, abweichende Öffnungszeiten oder besondere Verhaltensregeln nötig machen. Allfällige Abweichungen gegenüber dem geplanten Programm werden wir auf unseren Webseiten veröffentlichen. Und selbstverständlich halten wir uns an alle behördlichen Auflagen um Ihnen einen sicheren Besuch zu ermöglichen.


Un’estate speciale
Il 2020 sarà un anno un po’ speciale anche per i musei della Valposchiavo. La crisi scatenata dal coronavirus può influire sui programmi, sugli orari di apertura o sui comportamenti da adottare. Qualora vi fossero modifiche rispetto a quanto pubblicato su questa brochure, pubblicheremo gli aggiornamenti online, sulla nostra pagina web. E naturalmente ci atterremo a tutte le disposizioni per garantire a tutti una visita sicura.