Festa transfrontaliera del «Pan Ner»

0
Immagine 022

Il 15 e 16 ottobre in contemporanea in 76 luoghi di Lombardia, Valle d’Aosta e in Valposchiavo al Mulino di Aino e in Casa Tomé Festa transfrontaliera del «Pan Ner».

Nell’ambito della pluriennale e stretta cooperazione del Polo Poschiavo con gli Assessorati alla Cultura delle Regioni Lombardia e Aosta, è nata l’idea di allargare alla Valposchiavo la Festa del«Pan Ner» realizzata con grande successo l’anno scorso per la prima volta in Valle d’Aosta e grazie alla collaborazione con il Mulino di Aino e il Museo Poschiavino questo è reso possibile.

Cos’è la festa del «Pan Ner»
La festa del «Pan Ner» si configura come un momento di restituzione partecipativa, nel senso che recupera e rende nuovamente fruibile un bene, nella fattispecie un bene culturale immateriale, ne aumenta la conoscenza e la consapevolezza del valore che racchiude e fa sì che ne possa beneficiare l’intera comunità.

L’evento vuole anche riconoscere la centralità delle persone detentrici di questi antichi saperi e valorizzarne il ruolo imprescindibile per la conservazione e la trasmissione delle pratiche legate alla produzione del pane di segale diffuse nell’intero Arco Alpino.

L’iniziativa prevede una giornata di festa durante la quali saranno accesi i forni, preparato e cotto il pane tradizionale, predisposte visite ai mulini, in contemporanea nei 78 luoghi che aderiscono all’iniziativa, grazie al coinvolgimento della popolazione, delle associazioni, delle organizzazioni di promozione turistica, degli ecomusei delle tre aree interessate.

Il programma della Valposchiavo
Il 15 ottobre il Mulino di Aino e la Casa Tomé saranno quindi protagoniste di questa manifestazione transfrontaliera con un programma speciale:

  • la mattina, a partire dalle 9, al Mulino di Aino verranno messe in funzione le tre officine (mulino, segheria e fucina), si procederà alla macinatura della segale (farina nera);
  • il pomeriggio, a partire dalle 14 torna la vita in Casa Tomé con «Lauréri invernai e Pan Ner».  Gesti, saperi e sapori di un tempo in una giornata speciale dedicata alla popolazione locale che potrà riscoprire gli animali nella stalla, ascoltare storie tradizionali, assistere alla preparazione della «“brasciadèla» 100% Valposchiavo e ai lavori invernali di una volta presentati dagli intagliatori della Valposchiavo. (Biglietto d’ingresso Casa Tomé: 10 CHF per tutta la famiglia)

Il 16 ottobre, alla Sagra della Castagna a Brusio, sarà poi possibile assistere alla proiezione del documentario sulla produzione di pane di segale in Valtellina e Valposchiavo realizzato nell’ambito del progetto Interreg ECHI, di cui il Polo Poschiavo è stato capofila.

Il programma completo della prima Festa Transfrontaliera del «Pan Ner» è consultabile sul sito www.lopanner.com

Polo Poschiavo, Mulino di Aino e Museo poschiavino

Nessun commento

Immagine 056

Pausa caffè

In Casa Tomé è possibile gustarsi una pausa caffè in completo relax. Nell’antica casa rurale la vita scorre  lentamente, segue i ritmi della natura e concede ...